PIETRO VANNINI’S PROCESSIONAL CROSS

Ilaria Pecorelli 

Istituto di Restauro Delle Marche I.R.M., Academy of Fine Arts of Macerata, Italy

 

CITACIÓN RECOMENDADA:

PECORELLI, Ilaria (2020). "Pietro Vannini´s processional cross"Revista Eviterna Nº7 (marzo 2020) <https://www.revistaeviterna.com/Pecorelli>. [Fecha de Consulta]

Abstract: NowadaysPietro Vannini is considered one of the most skilled 15th- century Italian goldsmiths. He was able to harmonize stylistic features of the late Gothic tradition with the new elements typical of the Renaissance art. Indeed, he realised various monstrances, crosses and reliquaries that are still displayed in important museums and churches. Yet, this article focuses on one of his less famous creations, a processional cross displayed at the Diocesan Museum of Osimo. The artefact has not been adequately documented in the past, despite its relevance, and this has caused confusion on its origin and iconography. Various are the hypothesis on the date of its origin, among them the one from scholar Clerici assigns the cross to the late fifteenth century. Moreover, complex is the analysis and identification of the figures that decorate the cross from the iconographical point of view. Therefore, the aim of this paper is to clarify the story of the cross and to underline its relevance. The article starts from the origin of the cross along with a stylistic and iconographic in-depth analysis, where scholars such as Gori, Fanciulli and Montevecchi (one of the best scholars of Vannini) express their views. Then proceeds to a focus on the several restorations the piece has undergone, from those mandated by bishop Spada and bishop Compagnoni, to the campaignsthat have not been documented, yet can be inferred from the changes they brought to the artefact and its various descriptions throughout different periods in history.

Keywords:  Pietro Vannini, Processional Cross, Goldsmith’s art, Italy, 15th century.

 

Astratto: Al giorno d’oggi Pietro Vannini è considerato uno dei più grandi orafi italiani del XV secolo. Egli è stato in grado di equilibrare caratteristiche tradizionali del gusto tardo-gotico con i nuovi elementi tipici dell’arte Rinascimentale; ha infatti realizzato vari ostensori, croci e reliquiari che sono ancora oggi visibili in musei e chiese di notevole importanza. Tuttavia, questo articolo si focalizza su una delle sue creazioni meno famose, una croce processionale esposta presso il Museo Diocesano di Osimo. Questo manufatto non è stato documentato in maniera adeguata in passato, nonostante la sua importanza, e ciò ha causato disorientamento su questioni riguardanti la sua origine e iconografia. Molte sono le ipotesi sulla sua data di manifattura, tra queste si distingue lo studioso Clerici che colloca la realizzazione della croce verso la fine del XV secolo. È inoltre complessa sia l’analisi che l’identificazione dal punto di vista iconografico delle figure che adornano la croce. Lo scopo di questo articolo è quello di chiarire le vicende legate alla croce e di evidenziare la sua importanza. L’articolo si propone di analizzare le origini della croce e di delineare una approfondita analisi stilistica e iconografica che muove dagli studiosi Gori, Fanciulli e Montevecchi (una dei più grandi studiosi di Vannini); infine, si analizzano i vari restauri effettuati sull’opera, alcuni commissionati dal cardinale Spada e dal cardinale Compagnoni, e altri che non sono stati documentati, ma che possono essere dedotti dai cambiamenti che hanno portato al manufatto e dalle numerose descrizioni effettuate in vari periodi storici.

Parole chiave: Pietro Vannini. Croce Processionale, Oroficeria, Italia, Quindicesimo

REFERENCIAS BIBLIOGRÁFICAS

Barucca, Gabriele (2001), in Ori e Argenti: Capolavori di oroficeria sacranella provincia di Macerata, Giannatiempo Lopez, Maria, Milano: Federico Motta Editore, pp. 104-207.

            - (2006). “Lorenzo d’Ascoli e Antonio da Sant’Elpidio, maestri orafi del primo Quattrocento” in Atlante dei beni culturali dei territori di Ascoli Piceno e Fermo, vol. Beni artistici: Oroficerie, Cinisello Balsamo, pp. 89-105.

Bertaux, Émile (1896), L’Esposizione di Orvieto e la storia dell’arte.  In Archivio Storico dell’Arte, vol. II, Roma: Tipografia Cooperativa Editrice. 

Bulgari, Costantino G. (1969). Argentieri gemmari e orafi d’Italia: notizie storiche e raccolta dei loro contrassegni con la riproduzione grafica dei punzoni individuali e dei punzoni di stato, vol. III Marche-Romagna, Roma: Fratelli Palombi Editori.

Carnevali, Ermanno (2014). La cattedrale di Osimo: Storia, documenti e restauri del complesso monumentale, Silvana Editoriale.

Clerici, Giuseppe (2010). Pietro Vannini scultore orafo del Quattrocento, Ascoli Piceno: Istituto Superiore di Studi Medievali Cecco d’Ascoli.

Compagnioni, Pompeo (1783). Memorie istorico-critiche della Chiesa e de'vescovi di Osimo, Roma: Zampel.

Costantini, Costantino (1906). Note di arte antica marchigiana. La Croce stazionale nel Duomo di Osimo, Rivista Marchigiana Illustrata, n° 6, pp. 188-190.

Fabiani, Giuseppe (1968). Ascoli nel Quattrocento, vol. II, Ascoli Piceno: Società Tipografica Editrice.

Fanciulli, Luca (1769). Osservazioni critiche sopra le antichità cristiane di Cingoli, Osimo: Quercetti.

Gentili, Gino Vinicio (2001). Il duomo di Osimo, Osimo: Fondazione “Don Carlo”, pp. 230-233.

Gori, Antonio Francesco (1749). Simbolae litteriae: opuscula varia philologica scientifica antiquaria signa lapides numismata gemma set monumenta Medii Aevi nunc primum eduta complectentes, Vol. III,Firenze: Ex Imperiali Typographio praesidum permissu. 

Guido, Sante (2010).  “Brevi note biografiche su Nicola da Guardiagrele” in La memoria e la speranza, Città del Vaticano, pp. 87-91.

Montevecchi, Benedetta (2002), in Opere d’arte nella città di Osimo, Massa, M. & Carnevali, E., vol. II, Ancona: Arti Grafiche Annibali, pp. 64-65. 

            - (2006).  Pietro Vannini principe degli orafi ascolani. In Atlante dei beni culturali dei territori di Ascoli e Fermo, vol. Beni artistici: Oroficerie, Cinisello Balsamo, pp. 107-126.

            - (2008). Dopo Nicola: presenze e suggestioni dall’Abruzzo alle Marche di Pietro Vannini. In Nicola da Guardiagrele orafo tra Medioevo e Rinascimento, S.Guido. Roma, pp. 609-627.

Morello, Giovanni (1999).  Libri di pietra. Mille anni della Cattedrale di Ancona tra Oriente e Occidente, Mondadori Electa. 

Paoletti, Vincenzo (2009). Pietro Vannini e la scuola di oreficeria ascolana nel Quattrocento, Ascoli Piceno: Istituto Superiore di studi medievali Cecco d’Ascoli.

Quinterio, Francesco (2009). Architettura del Classicismo tra Quattrocento e Cinquecento, vol. Marche, Roma: Gangemi Editore.

Ricci, Amico (1834). Memorie storiche delle arti e degli artisti della marca di Ancona, vol. I, Macerata: Tipografia di Alessandro Mancini.

Riccioni, Stefano (2016). “Nicola da Guardiagrele: le firme e le opere” in Arte medievale, IV serie, Milano: Silvana Editore, pp. 255-266.

Unknown Author (1657). Inventario, Osimo: Duomo di San Leopardo.

Unknown Author (1719). Inventario, Osimo: Duomo di San Leopardo. 

Archidiocesi di Ancona-Osimo. Cronotassi dei vescovi. Recuperado de: http://www.diocesi.ancona.it/arcivescovo/cronotassi-dei-vescovi/  

EVITERNA - REVISTA UNIVERSITARIA DE HUMANIDADES, ARTE Y CULTURA (ISSN: 2530-6014) 

  • Black Facebook Icon
  • Black Twitter Icon
  • Black Instagram Icon

Según el cumplimiento de la Ley Orgánica 13/12/1999 de Protección de Datos, comunicamos que su dirección de correo electrónico, así como los datos de carácter personal que obren en nuestro poder, están incluidos en un fichero de nuestra responsabilidad, gozarán de la protección adecuada y no serán cedidos a terceros.